“PER UNA SANITÀ SENZA PADRINI E SENZA PADRONI” NON SERVE TAGLIARE LE RISORSE, BISOGNA RIPENSARE IL SISTEMA

Il segretario Generale USAE, Adamo Bonazzi, unitamente all’On. Pietro Laffranco ed al Sen. Maurizio Gasparri, ha presentato oggi alla stampa presso la Camera dei Deputati il documento programmatico FSI-USAE “per una sanità senza padrini e senza padroni” contenente proposte per politiche migliorative del servizio sanitario nazionale.

Un documento che ha ottenuto il sostegno di oltre 60.000 (sessantamila) cittadini e operatori, non associati all’organizzazione, che nelle principali piazze e nei banchetti allestiti presso gli ospedali più importanti di tutte le regioni hanno firmato la propria adesione.

“La nostra intenzione”, ha dichiarato Adamo Bonazzi, presentando il documento è arrivare a far ripensare il sistema. Il patto della salute varato dopo il decreto Balduzzi ha tradito le aspettative dei cittadini e dei lavoratori del Servizio Sanitario Nazionale (e ovviamente di quelli Regionali) prevedendo le Unità Complesse di Cure Primarie (UCCP) e le Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) quali forme organizzative della medicina convenzionata ha tradito e rovesciato premesse legislative su cui poggiava. Da una parte c’è la necessità dello stato di diminuire le spese che sono altissime. Dall’altra ci sono i cittadini che oggi – vessati anche da regimi di tassazione insostenibili – sentono di non avere più certezze rispetto ad un bene garantito costituzionalmente come dovrebbe essere il diritto alla salute e per la prima volta dal dopoguerra hanno paura e non si sentono tutelati. Mentre nel mezzo gli operatori del settore, dopo aver investito molti anni della propria vita negli studi si trovano ad operare nelle medesime condizioni dei loro genitori senza alcuna gratificazione professionale schiacciati nel sistema. Non c’è dubbio che in queste condizioni nessun sistema potrebbe reggere. La Federazione FSI ha tentato di farsi carico del problema e di indicare soluzioni. Servono interlocutori e per questo ringrazio il Gruppo parlamentare di Forza Italia e gli onorevoli che ho qui di fianco per la disponibilità a tradurre queste soluzioni in iniziative parlamentari. Ringrazio altresì, sin d’ora, tutti i parlamentari ed i consiglieri regionali che vorranno ulteriormente sostenere le nostre proposte ”

La FSI – Federazione Sindacati Indipendenti – è la federazione sindacale dell’USAE (confederazione nazionale che conta oltre 400.000 associati in Italia con 18 strutture regionali e oltre 75 strutture territoriali) maggiormente rappresentativa sul piano nazionale che organizza i lavoratori della sanità pubblica e privata, partecipa alle trattative e stipula i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro sia del settore pubblico che per il privato che ha promosso il documento programmatico “per una sanità senza padrini e senza padroni” contenente proposte per politiche migliorative del servizio sanitario nazionale.

Sia il documento con le proposte del sindacato che le firme dei cittadini e dei lavoratori verranno consegnati al Gruppo parlamentare di Forza Italia affinché sia tradotto in iniziative parlamentari tese a Rivedere il Patto della Salute. E successivamente, sia alla conferenza che alle singole regioni, per chiedere di cambiare anche i piani sanitari regionali

Print Friendly, PDF & Email